3 motivi per cui il tuo blog aziendale non aumenta il traffico

Ti sei tirato su le maniche, hai investito tempo e risorse per aprire finalmente il blog della tua azienda. Eppure nonostante il duro lavoro il tuo blog aziendale non raggiunge l’obiettivo desiderato: il traffico organico del sito non aumenta. Qual è il problema? Analizziamo insieme 3 motivi che posso ridurre il raggio d’azione del tuo blog e non portare quindi traffico sul tuo sito.

Perché avere un blog aziendale?

Il blog è di certo uno degli strumenti più discussi ed efficaci nel campo dell’online marketing. Secondo un‘indagine 2017 di Orbit Media Studios su più di 1.000 gestori di blog, l’84% ha risposto che il blog apporta ottimi o buoni risultati. In media vengono investite 3 ore e 20 minuti per scrivere un post. Si tratta di lavoro e tempo che le aziende investono principalmente per generare traffico organico verso il proprio sito. Un blog è per le aziende può anche essere un canale per mostrare i propri interessi, pubblicare notizie interne e informare i propri utenti.

Il blog non porta traffico: cosa va storto?

Generare traffico verso il proprio sito si rivela per molti un compito più difficile del previsto. Uno dei motivi principali è il fatto che i blog post non raggiungono la prima pagina del SERP di Google. Dal momento che quasi nessuno va alla seconda pagina di ricerca di Google, il traffico rimane di conseguenza basso. Sono tre i motivi per cui un blog aziendale può trovarsi bloccato per la scalata del ranking.

Viene ignorata la SEO

Prima di scrivere un post bisogna sempre chiedersi perché viene scritto, qual è l’obiettivo che intendi raggiungere, chi è il pubblico a cui ti rivolgi, ma soprattutto cosa intendi fare affinché l’articolo venga trovato? Senza la ricerca di parole chiave e l’uso coerente di termini di ricerca pertinenti al tema, il successo o meno dell’articolo è lasciato al caso. Fin dall’inizio bisogna accertarsi che il post soddisfi al meglio la richiesta a una domanda ricercata.

Il contenuto è solo temporaneamente rilevante

Potresti trovarti a scrivere articoli con notizie attuali, rilevanti solo per un certo periodo di tempo. Se utilizzi contenuti con un’importanza “a breve durata” la copertura ad un certo punto di blocca la strada ed è molto più probabile che il tuo blog cada nell’oblio. Se l’obiettivo è la generazione di traffico permanente, allora è necessario scrivere articoli il cui contenuto è valido nel tempo.

I collegamenti interni non sono ottimizzati

Spesso i singoli articoli non vengono collegati fra di loro. Senza un corretto collegamento si perdono anche i fattori di ranking, ma soprattutto non si rimanda gli utenti a visitare le tue pagine correlate all’argomento. L’utilizzo e la continua ottimizzazione dei link interni è dunque un compito primario all’interno del tuo blog.

Blog aziendale e traffico

I post del blog devono sempre essere realizzati tenendo presente una parola chiave. Un ottimo metodo per generare traffico durato è quello di scrivere contenuti “sempreverdi”. Aggiungendo inoltre contenuti multimediali e tenendo sempre presente di offrire un contenuto con valore aggiunto per il lavoro, un blog diventa un ottimo strumento per la tua azienda.

Potrebbero interessarti anche questi articoli
SEO vs autenticità: qual è il tuo della SEO per i content writer?
Sei aspetti che differenziano un testo online da un testo offline
Il viaggio del cliente: customer journey nell’e-commerce

Simone Catania

Classe 88, nato e cresciuto ai piedi dell’Etna, il cognome non mente. Non scrivo l’apostrofo invece dell’accento. Addomestico la punteggiatura per professione.

www.register.srl

www.register.srl

X