Quando lo smartphone diventa una banca mobile

Chattare e restare in contatto con gli amici tramite i social network, prenotare la cena e fare shopping: lo smartphone è oramai parte integrante della nostra vita quotidiana. Tantissime app innovative e user-friendly hanno reso digitali azioni della nostra vita azioni rendendole più veloci e comode. Anche il settore bancario e finanziario ha visto nascere app semplici e flessibili che permettono tramite lo smartphone di gestire il proprio conto corrente e le operazioni bancarie. Il mobile banking non è più un trend futuro ma una realtà per banche e utenti.

In cosa consiste il mobile banking?

Il mobile banking, abbreviato anche in mBanking o M-Banking, copre tutte le transazioni finanziarie e bancarie gestite tramite dispositivo mobile smartphone o tablet. Il termine viene utilizzato indipendentemente dal fatto che i servizi vengano utilizzati tramite browser Internet o applicazione. Il mobile banking, inoltre, è strettamente legato al settore dei pagamenti mobile come GooglePay o ApplePay abilitati a pagamenti tramite smartphone senza contanti.

Mobile banking vs online banking

Qual è la differenza tra mobile e online banking? E quali vantaggi apporta l’offerta mobile? A differenza dell’online banking, in cui è necessario avviare il PC, il mobile banking dà la possibilità di poter accedere ai servizi da qualsiasi luogo grazie a un dispositivo abilitato al collegamento Internet. L’utilizzo mobile consente agli utenti di controllare il saldo, effettuare trasferimenti o gestire titoli e azioni direttamente dal divano di casa, dal bar, in hotel o in qualunque altro luogo. Con uno smartphone o un tablet, si ha la banca sempre a portata di mano. I servizi di mobili banking offerti dalle banche si adattano sempre più alle esigenze degli utenti. Il mobile banking comprende principalmente tre servizi: gestione del conto, operazioni bancarie e azionarie, informazioni e servizi finanziari.

Le app per il mobile banking

Intuitive, semplici e con funzionalità sempre nuove: le app sono il cuore del mobile banking. Le funzioni bancarie e i servizi finanziari possono variare in base al fornitore, ma di solito le caratteristiche principali di un’app di mobile banking includono la possibilità di controllare saldo e movimenti, effettuare bonifici, impostare ordini permanenti, bloccare le carte e gestire le informazioni di contatto. Oltre alle tradizionali funzioni, molte app forniscono funzionalità aggiuntive come la ricerca del bancomat più vicino dove prelevare contanti senza spese, notifiche push per essere sempre aggiornati su transazioni importanti, promemoria su pagamenti importanti, acquistare e vendere titoli, azioni e investimenti o ottenere informazioni finanziarie sulla borsa. In futuro ci saranno sviluppi tecnici che porteranno alle app funzionalità aggiuntive per avvicinarle sempre più alle esigenze dei clienti.

Versamenti mobile: semplici e veloci tramite app

Particolarmente amata dagli utenti è la funzionalità di trasferimento di denaro tramite mobile banking. Oltre al consueto modulo standard con nome, importo, IBAN, BIC e oggetto vengono proposte nuove soluzioni innovative per i versamenti.

Versamenti tramite foto

Per compilare il modulo di versamento basta fare una foto con il proprio smartphone alla fattura o scansionare i codici QR. L’app riconoscerà i dati rilevanti per il versamento e compilerà gli appositi campi. Naturalmente sarà possibile correggere i dati, se necessario.

Versamento tramite chat

Questa funzione per i versamenti con mobile banking funziona come un servizio di messaggistica. Basta selezionare un destinatario dai propri contatti e inserire l’importo da trasferire. Il gioco è fatto.

Versamento tramite comandi vocali

Utilizzando comandi vocali è possibile inserire tutti i campi necessari per effettuare il versamento senza la necessità di dover utilizzare la tastiera.

I servizi e le funzionalità del mobile banking si espandono costantemente con gli ultimi sviluppi tecnologici e rispondono sempre più alle esigenze degli utenti.

Il banking digitale è sicuro?

Uno degli aspetti principali per chi offre un servizio bancario è di certo la sicurezza. Le app di mobile banking utilizzano gli standard di crittografia come l’AES (Advanced Encryption Standard) a 256 bit per la trasmissione dei dati. Alcune funzioni come il riconoscimento tramite impronta digitale o riconoscimento facciale possono essere un mezzo più sicuro rispetto ai dati di login comuni, potenzialmente utilizzabili da tutti in modo fraudolento, nell’online banking da PC.

Sicurezza per i versamenti

Gli istituti finanziari si sono impegnati a rendere l’online banking un mezzo sicuro tramite procedure di login e altre tecnologie. Per effettuare un versamento viene utilizzata la procedura TAN, un elenco di sequenze numeriche che è possibile utilizzare una sola volta. Per i trasferimenti tramite dispositivi mobili esistono diversi funzioni di mTAN.

  • smsTAN: è possibile ricevere un mTAN direttamente tramite l’app di mobile banking. Il codice verrà inviato direttamente tramite SMS al numero di telefono inserito. La sicurezza tra online e mobile banking è quasi paragonabile.
  • photoTAN: soluzione app2app che richiede la previa installazione e configurazione di un’app photoTAN compatibile con l’app della banca. Durante un versamento l’app di mobile banking avvierà automaticamente l’app di photoTAN che si occuperà di confermare e trasferire il TAN.

Il futuro è mobile

In un mondo dove mobilità e flessibilità diventano il cardine, il mobile banking tramite app su smartphone o tablet si è ormai imposto come standard per le operazioni bancarie e finanziarie. Lo sviluppo di nuove tecnologie renderà il mobile banking sempre più semplice, sicuro e conveniente per gli utenti diventando un servizio irrinunciabile.

Leggi anche
AMP: un’iniziativa rivoluzionaria per l’esperienza mobile
I 10 errori più comuni nella progettazione di applicazioni mobile
Progressive Web App: siamo sulla soglia di un cambiamento?

Simone Catania

Classe 88, nato e cresciuto ai piedi dell’Etna, il cognome non mente. Non scrivo l’apostrofo invece dell’accento. Addomestico la punteggiatura per professione.

X