Marketing con i domini: ecco come funziona

Pubblicitari e marketer hanno oramai riconosciuto il valore di un buon dominio a scopi pubblicitari. In uno spot di 30 secondi ad esempio non solo devono essere presentati il messaggio pubblicitario, il marchio e il prodotto, ma anche il passaggio da un mezzo di comunicazione all’altro: dal video, banner, cartellone pubblicitario al sito web. È qui che entra in gioco il marketing dei domini. Colmare il divario tra il proprio marchio e il nome di dominio corrispondente non è più così facile. Non solo per quanto riguarda il .COM ma anche per il dominio nazionale .IT, poiché gli indirizzi più brevi e concisi sono stati già assegnati.

I nuovi gTLD per la tua azienda

I nuovi gTLD offrono un’opportunità per risolvere questo problema. Non solo molti domini sono ancora disponibili, ma offrono anche la possibilità di collegarsi direttamente al prodotto o a presentarsi con professionalità ad esempio con la propria forma legale S.r.l. I domini possono essere estremamente utili per attività di marketing coordinate. Distinguersi dai 333 milioni di domini registrati è una vera sfida. Una pubblicità e un marketing orientato ai domini possono essere d’aiuto!

Category Killer Domain

Il modo più semplice per trovare un dominio facile da ricordare che può essere digitato rapidamente nel campo dell’URL è quello di utilizzare i cosiddetti “Category Killer Domain”. Ne sono un esempio siti come server.com, auto.it, domini.com o scarpe.it. Questi domini brevi e concisi trasmettono a prima vista ciò che l’utente troverà nel sito. I prodotti al centro del sito sono ben chiari nel dominio. I domini categoria killer apportano due importanti vantaggi: in primo luogo, è molto più probabile che vengano digitati direttamente nel browser. Inoltre, per quanto riguarda i motori di ricerca la perfetta corrispondenza del nome di dominio con i contenuti può risultare vantaggioso. Grazie alla parola chiave l’utente potrà trovare più facilmente la pagina.

Parola chiave invece del marchio?

Naturalmente, il marchio distingue un produttore da un altro ed è spesso utilizzato nei nomi di dominio. In termini di potenziali clienti e di ricerca del sito attraverso i motori di ricerca, le parole chiave risultano più appropriate per diversi motivi. I potenziali clienti, così come quelli che devono tornare, possono facilmente ricordare il dominio. Il dominio ha un alto valore di riconoscimento. Il posizionamento nei motori di ricerca è indirettamente influenzato positivamente dai domini di parole chiave. Se il termine viene inserito in un motore di ricerca, i potenziali clienti hanno molte più probabilità di accedere al dominio delle parole chiave che a un dominio di marca. Di regola, il dominio ha un valore di rivendita più elevato. E se il dominio desiderato è già stato assegnato? Se il dominio adatto è già stato assegnato, rivolgiti ai nuovi gTLD e presenta ad esempio la tua azienda in modo serio e professionale con .SRL.

Quando è il dominio a fare marketing

Dove e come un dominio viene commercializzato, è una decisione del proprietario che deciderà in base ai propri interessi e al proprio budget. Le registrazioni su directory di settore, sono ad esempio una buona possibilità per attrarre nuovi clienti. Gli annunci incentrati sul dominio tramite Google AdWords o Facebook sono un modo per raggiungere direttamente il gruppo target e ottenere una vasta visibilità. Tuttavia, queste opzioni dovrebbero essere utilizzate con cautela. Quale gruppo target è effettivamente rilevante e quanto vale la pubblicità a pagamento per il singolo contributo? È consigliabile porsi queste domande prima di investire in una campagna.

Nome di dominio breve = minore spesa pubblicitaria

Optare per un sito come rossi.srl invece di rossisrl.com è la soluzione migliore in assoluto. La ragione è che i clienti possono facilmente ricordare questo dominio e possono digitarlo nella barra del browser senza dover ricorrere al motore di ricerca. Il dominio corrisponde al 100% al nome dell’azienda.

Guadagna con i domini

È possibile utilizzare il dominio come indirizzo di destinazione, parcheggiarlo, utilizzarlo per la pubblicità o impostare un reindirizzamento alla propria presenza online: I domini sono una parte importante del brand, che può essere utilizzato in molti modi. Anche se non si desidera popolare un dominio con contenuti, è comunque possibile guadagnare parcheggiando il dominio. Non è quindi necessario rivendere subito il dominio se non ne hai bisogno sul momento. Parcheggiare un dominio probabilmente non ti renderà ricco, ma aumenta le possibilità di una vendita migliore. Il traffico verso il sito web inutilizzato genera entrate supplementari attraverso la pubblicità e i potenziali acquirenti vedono che il sito è in vendita. Secondo la piattaforma di parcheggio Sedo, i domini parcheggiati con pubblicità vendono due volte più velocemente rispetto ai domini offline.

Il dominio è anche marketing!

Il potenziale di un dominio che sia parcheggiato, sotto forma di pubblicità o come collegamento a un’altra presenza online, dovrebbe essere sempre sfruttato al massimo. Una cosa è comunque chiara: più breve e facile da ricordare è il dominio, più i potenziali clienti si imbatteranno in esso. Pertanto, è meglio investire in un dominio con queste caratteristiche piuttosto che in un dominio non adatto al consumatore che richiederà misure pubblicitarie costose e tempo.

Potrebbe interessarti leggere
Le 3 R del mondo dei domini: registrar, registry e registrant
Sette motivi per registrare un dominio .SRL
Dispute per il nome di dominio: 5 casi di grandi aziende

Nadine Jäger

Redattrice online con un interesse per il digitale, in particolare IoT e IA. Vedo nell’online marketing un forte potenziale per il futuro e desidero quindi informare i nostri lettori di tutte le notizie più interessanti.

www.register.srl

www.register.srl

X