Come ogni anno la famosa rivista economica statunitense Forbes pubblica la classifica delle persone più ricche al mondo. Tra queste figurano nelle prime posizioni molti imprenditori dell’era digitale: imprenditori self-made dell’informatica e dell’e-commerce come Jeff Bezos, CEO di Amazon, Bill Gates, CEO di Microsoft o Mark Zuckerberg di Facebook. Complessivamente gli imprenditori italiani inclusi nella classifica mondiale aggiornata all’anno 2019 sono scesi a 35 a confronto dei 43 dell’anno precedente, di cui 7 donne. Rispetto all’anno scorso sono cambiate diverse posizioni e una nuova persona è entrata nella Top10. Chi sono gli italiani più ricchi nel 2019?

I 10 imprenditori italiani più ricchi nel 2019

Nella fotografia degli imprenditori più ricchi al mondo scattata fa Forbes nel 2019, il primo italiano si incontra alla posizione 39° della classifica mondiale. Questa è la Top10 e i profili degli imprenditori italiani più ricchi nel 2019 dai dati emersi dalla rivista Forbes. I dati sono stati convertiti in euro.

1- Giovanni Ferrero – 20,42 miliardi di euro

Dal 2011 Giovanni Ferrero è CEO unico della famosa industria dolciaria fondata dalla famiglia Ferrero ad Alba nel 1946. La Ferrero SpA produce prodotti famosi in tutto il mondo come la crema Nutella, le praline Mon Chéri, Ferrero Rocher, ma anche le mentine Tic Tac e la cioccolata Kinder. Nel 2018 ha firmato un accordo con la Nestlé per acquisire il business dolciario dell’azienda negli Stati Uniti per circa 2,55 miliardi di euro. I membri della famiglia Ferrero sono da diversi anni in cima tra gli italiani più ricchi.

2- Leonardo Del Vecchio – 18,02 miliardi di euro

Leonardo Del Vecchio è nato a Milano con un padre venditore di frutta. All’età di 15 il suo datore di lavoro dell’epoca lo spinge a studiare design e incisione. All’età di 22 anni nel 1958 apre una bottega per la montatura di occhiali da vista che nel 1961 diventerà Luxottica S.a.s, oggi la holding più grande al mondo per la produzione e la vendita di occhiali e lenti. L’azienda di cui è anche CEO conta oltre 8.000 punti vendita in tutto il mondo. Nel 2018 ha registrato un fatturato di quasi 9 miliardi di euro.

3- Stefano Pessina – 11,30 miliardi di euro

Stefano Pessina è nato a Pescara nel 1941. Dopo essersi laureato in ingegneria nucleare a Milano torna a Napoli nel 1977 per riassettare l’azienda di famiglia nel settore della distribuzione farmaceutica. Nasce così Alleanza farmaceutica, azienda che negli anni si espande nel Sud Italia per unirsi nel 1986 con una ditta distributrice e diventare Alleanza salute Italia. A questo punto l’azienda non ha più confini ed espande il proprio mercato a livello mondiale fino a raggiungere un accordo con un grande grossista in Cina nel 2012.

4- Giorgio Armani 7,70 miliardi di euro

Noto per l’omonimo marchio di moda che esporta il Made in Italy a livello mondiale. Giorgio Armani si è diplomato nel 1953 e ha iniziato a muovere i primi passi nel mondo del lavoro come vetrinista per Rinascente successivamente come stilista per Nino Cerrutti. Nel 1975 la prima collezione che porterà il suo nome “Armany by Sicons”. Armani oggi gestisce più di 200 negozi e boutique nel mondo e i suoi capi vengono indossati dai divi di Hollywood.

5- Massimiliana Landini Aleotti – 6,70 miliardi di euro

Massimiliana Landini Aleotti è l’unica donna tra gli imprenditori italiani più ricchi nel 2019. Insieme ai tre figli ha ereditato nel 2014 il colosso farmaceutico Menarini del marito Alberto Aleotti. L’azienda originariamente fondata nel 1886 è stata acquistata da Aleotti agli inizi degli anni ’90. Menarini si occupa oggi della ricerca, produzione e commercializzazione di farmaci, è presente in 136 paesi con più di 17.000 dipendenti. L’azienda fattura più di 4 miliardi di euro l’anno.

forbes italiani più ricchi 2019
Come ogni anno, la rivista americana Forbes stila la classifica degli uomini più ricchi del pianeta. Questi sono i primi 10 imprenditori italiani.

6- Augusto e Giorgio Perfetti – 5,90 miliardi di euro

I fratelli Perfetti sono i proprietari di Perfetti Van Melle, una delle più grandi aziende di caramelle e gomme da masticare. Sebbene i loro nomi possono risultare del tutto nuovi, non lo sono i loro prodotti. L’azienda attiva dal 1946 è stata la prima a portare il chewing gum in Italia. Nel 1969 vennero lanciate le gomme da masticare Brooklyn, con il famoso ponte americano sul pacchetto. Nel corso degli anni l’azienda acquisisce brand come Alpenliebe, Vigorsol, Big Babol, Fruittella e infine Chupa Chups nel 2006. La Perfetti Van Melle è il terzo gruppo al mondo per la produzione di confetteria, caramelle e chewing gum. I fratelli Perfetti oggi vivono in Svizzera e non sono più a capo dell’azienda.

7- Silvio Berlusconi 5,70 miliardi di euro

Uno dei più noti imprenditori e politici italiani nel mondo, incaricato tre volte Primo ministro italiano con il partito politico da lui fondato Forza Italia. La sua fortuna imprenditoriale ha le basi negli anni ’70, inizialmente con il canale Telemilano poi con il lancio di Canale 5 nel 1980, prima rete commerciale italiana poi integrata nel gruppo radiotelevisivo Mediaset. Nel corso degli anni insieme ai suoi cinque figli gestisce case editrici e cinematografiche unite nel gruppo Fininvest. Fino al 2007 è stato per diversi anni al primo posto degli imprenditori più ricchi in Italia.

8- Paolo & Gianfelice Mario Rocca – 3,70 miliardi di euro

Paolo e Gianfelice Rocca hanno ereditato Techint, azienda di famiglia fondata dal nonno Agostino Rocca, pioniere della siderurgia pubblica in Italia che fondò l’azienda nel 1945 in Argentina. L’azienda opera nella produzione dell’acciaio, progetti di costruzione e ingegneria, estrazione, benzina e nel settore ospedaliero. Il gruppo Techint fattura più di 18 miliardi di dollari in vendite all’anno e conta più di 55.000 di dipendenti in tutto il mondo. Paolo vive in Argentina ed è CEO dell’azienda, mentre Gianfelice è a capo del gruppo Humanitas in Italia.

9- Giuseppe De’ Longhi – 3,8 miliardi di euro

Giuseppe De Longhi, trevigiano classe ’39, è laureato in Economia e Commercio alla Ca’ Foscari. Gestisce l’azienda di famiglia fondata nel 1902 a Treviso per la produzione di stufe a legna. Oggi il gruppo De’ Longhi è leader italiano nel settore degli elettrodomestici. Negli ultimi anni l’azienda ha portato avanti una politica di forte espansione acquisendo importanti brand come Stimac (1995), Kenwood (2007), Ariete (2010) e Braun (2012). La De’ Longhi SpA fattura circa 2 miliardi di euro l’anno e vende e produce in 33 paesi.

10- Luca Garavoglia – 2,9 miliardi di euro

Nato nel 1969 a Milano, si laurea nel 1994 in Economia e Commercio alla Bocconi. Ereditate le azioni dei genitori da settembre 2018 è presidente del gruppo Campari. Campari SpA è un’azienda fondata nel 1860 nel settore alimentare e delle bevande analcoliche e alcoliche, in cui è leader mondiale con prodotti come Skyy Vodka, Wild Turkey, Aperol e Campari.

Non perderti questi articoli!
I 10 motori di ricerca più utilizzati al mondo nel 2019
Le 10 aziende e-commerce più grandi al mondo per fatturato nel 2019

Simone Catania

Classe 88, nato e cresciuto ai piedi dell’Etna, il cognome non mente. Non scrivo l’apostrofo invece dell’accento. Addomestico la punteggiatura per professione.

www.register.srl

www.register.srl

X