Gemelli digitali: quando le possibilità si raddoppiano

I gemelli digitali, noti in inglese come digital twins, sono la rappresentazione virtuale di un prodotto o di un sistema fisico durante tutto il suo ciclo operativo. I gemelli digitali non sono altro che modelli virtuali estremamente complessi che rappresentano qualsiasi oggetto fisico quali ad esempio edifici, automobili, motori di macchinari, ponti, gallerie, ecc. Questa versione virtuale dell’oggetto utilizza i dati in tempo reale per impostare le modifiche necessarie e migliorare il processo decisionale.

Gemelli digitali: specchi di proiezione del futuro

Collegando un oggetto ai sensori, vengono raccolti dati che possono essere assegnati al suo gemello digitale. Grazie a questa opzione, gli ingegneri e produttori del modello virtuale possono vedere le informazioni cruciali su come l’oggetto fisico sta operando nel mondo reale. Con queste informazioni, le fabbriche hanno l’opportunità di imparare molto di più e in modo molto più veloce sul comportamento di qualsiasi delle loro risorse fisiche.

Quali opportunità offrono i gemelli digitali?

Tra le opportunità più importanti che ingegni e produttori possono ottenere con l’aiuto dei gemelli digitali ci sono il monitoraggio in tempo reale di oggetti e beni fisici, il miglioramento dei progetti in costruzione con l’aiuto dell’analisi predittiva, soluzioni per far funzionare i guasti a distanza (gli oggetti non devono necessariamente essere vicini ai loro gemelli digitali), la gestione di macchinari complessi. I gemelli digitali diventano a tutti gli effetti uno strumento essenziale del ciclo produttivo. Essi infatti non consentono solo di progettare e testare i prodotti prima del loro normale processo di produzione, ma aiutano anche a visualizzare come si comporta il prodotto nell’ambiente per  il quale è stato pensato e se raggiunge in modo ottimale il proprio scopo. In poche parole, i gemelli digitali aiutano le aziende in particolar modo nella fase di test. Prevenire il comportamento del prodotto è una vera svolta per incontrare aspettative, preferenze, nonché personalizzare le esperienze in base alle mutevoli esigenze del consumatore nell’era dell’industria 4.0.

Il futuro dei gemelli digitali

Se immaginassimo molti gemelli digitali, tutti interconnessi, l’analisi e le prospettive ottenute da loro diventano esponenzialmente più ampie. Ciò allarga il ventaglio di possibilità in cui è possibile eseguire operazioni complesse. In futuro, secondo il rapporto i-SCOOP, i gemelli digitali verranno applicati per scopi diversi. Essi, inoltre, si combineranno con più tecnologie come la capacità vocale, la realtà aumentata e naturalmente l’intelligenza artificiale. Quando si tratta di previsioni future, gli analisti in materia puntano principalmente al 2020-2021 come gli anni in cui i gemelli digitali trarranno vantaggio dalle applicazioni aziendali principali. Ovviamente, ci sono già molti esempi e già nel 2018 l’uso dei gemelli digitali è entrato nelle principali aziende legate all’innovazione. Molti esperti vedono i gemelli digitali inseriti nel contesto di progetti IoT. La società Gartner prevede che metà delle grandi aziende industriali utilizzerà i gemelli digitali entro il 2021.

Leggi anche
10 tecnologie (digitali) che stanno rivoluzionando il mondo
La distruzione creatrice dell’innovazione digitale
Fattori di successo per creare una strategia digitale

Stephanie Ospina

Amo appassionare i lettori tramite lo storytelling. Come redattrice online voglio aiutare le aziende a conoscere e sfruttare le possibilità offerte dalla trasformazione digitale.

X