Erasmus per giovani imprenditori: progetto UE per l’imprenditoria

Cerchi un’esperienza lavorativa all’estero presso una PMI gestita da un imprenditore esperto nel settore di tuo interesse o ospitare un lavoratore qualificato nella tua azienda a costi zero? Forse non lo sapevi ancora, ma già dal 2009 la Commissione europea ha lanciato “Erasmus per giovani imprenditori”, un programma che mira a formare e supportare nuovi o aspiranti imprenditori tramite un’esperienza all’estero. Se sei interessato a fare un’esperienza lavorativa in uno dei 36 Paesi dell’Unione europea o ospitare un futuro imprenditore nella tua azienda, con Ilviyya Gafarova, Project Assistant per ITKAM, conosciamo il progetto europeo dedicato Erasmus per giovani imprenditori e come candidarsi.

A chi è rivolto l’Erasmus per giovani imprenditori?

Erasmus per giovani imprenditori è un programma di scambio all’interno dell’Europa che offre l’opportunità ai nuovi imprenditori – o aspiranti tali – di apprendere come diventare imprenditori di successo da professionisti già affermati in un altro paese. Nonostante il titolo del progetto, non ci sono limiti di età. Possono partecipare imprenditori che operano in qualsiasi settore e che soddisfano certi requisiti. Uno di questi è il requisito dei 3 anni: Host Entrepreneur (imprenditore ospitante) per qualificarsi come tale deve avere almeno 3 anni di esperienza e il New Entrepreneur (imprenditore nuovo), se ha già iniziato la sua attività, deve essere diventato imprenditore da meno di 3 anni o essere in procinto di aprire la propria attività. Noi della Camera di Commercio per la Germania supportiamo anche le aziende italiane che hanno sede in Germania e gli aspiranti imprenditori italiani che hanno residenza in Germania da almeno 6 mesi.

Quali sono i vantaggi per le aziende nell’ospitare un lavoratore dall’estero?

L’imprenditore ospitante ha l’opportunità di collaborare con un giovane imprenditore motivato il quale può offrire un importante contributo all’azienda. Inoltre, si ha la possibilità di informarsi sui mercati esteri e di intraprendere attività internazionali. Oltre a svolgere la funzione di mentore, si può imparare dal nuovo imprenditore competenze specializzate in un settore che non si domina ancora.

Possono partecipare anche i neo laureati?

Certamente. Il programma è l’ideale per un neolaureato che ha già un’idea concreta ma prima di iniziare vorrebbe acquisire importanti conoscenze sugli aspetti della costituzione e gestione di una propria azienda.

Quali i sono i passaggi per la candidatura?

La candidatura è molto semplice. Il tutto passa attraverso un portale ideato dalla Commissione Europea. È possibile iscrivere al portale all’indirizzo www.erasmus-entrepreneurs.eu e inserire le informazioni richieste in merito al proprio profilo professionale.

Quali documenti è necessario presentare?

I documenti richiesti sono CV per gli imprenditori ospitanti e CV e il Business Plan per i giovani imprenditori.

Quanto costa partecipare al progetto?

Il soggiorno è cofinanziato dall’Unione europea. Ai giovani imprenditori viene assegnata una borsa di studio predefinita in base al paese nel quale decidono di recarsi. La borsa di studio copre i costi stimati per il viaggio, il soggiorno e il vitto. Anche per l’imprenditore ospitante non è previsto nessun costo di partecipazione.

Quali sono i tuoi consigli per una candidatura di successo?

Il consiglio che posso dare per velocizzare la candidatura è quello di preparare in inglese i documenti necessari e tutte le informazioni da inserire, perché è la lingua principale di comunicazione del programma. Solo il Business Plan (necessario per i nuovi imprenditori e che non sarà visibile sulla piattaforma) può essere inserito in italiano. Per il resto, il consiglio più utile che posso dare è quello di cercare di cogliere al massimo i benefici offerti dal programma.

Quali sono le esperienze di chi ha già partecipato al progetto UE?

Attualmente abbiamo circa 10 imprenditori nuovi/ospitanti italiani con residenza in Germania che partecipano al progetto. I settori di provenienza sono vari: dal content marketing, alle energie rinnovabili fino ad arrivare alla moda/design e settore alimentare. Gli imprenditori che hanno deciso di partecipare al programma hanno costruito relazioni di successo. Alcune esperienze si sono trasformate in un’ottima esperienza di apprendimento reciproco e in possibile collaborazioni future.

 

Leggi anche
Industria 4.0: collaborazione tra Italia, Germania e Francia
Cosa frena la trasformazione digitale delle aziende?
Open Innovation in Italia: startup e Corperate Venture Capital

Simone Catania

Classe 88, nato e cresciuto ai piedi dell’Etna, il cognome non mente. Non scrivo l’apostrofo invece dell’accento. Addomestico la punteggiatura per professione.

www.register.srl

www.register.srl

X