15 trend del mondo del lavoro del futuro

La digitalizzazione sta apportando una veloce trasformazione al mondo del lavoro. Come sarà il mondo del lavoro del futuro e come fronteggeremo questo nuovo scenario? Tecnologie come la realtà virtuale e l’intelligenza artificiale giocano un importante ruolo nella nostra società e avranno un ruolo anche nella trasformazione del lavoro. Il business social network tedesco XING insieme al prof. Peter Wippermann hanno risposto a queste domande nel report “New Work Trendbook” (in lingua tedesca) segnalando 15 tendenze principali del mondo del lavoro del futuro.

Trend 1: Nuove carriere

Trasformazione digitale, nuovi modelli di business e cambio demografico: fra 15 anni i più giovani di oggi saranno impiegati in lavori che oggi non esistono ancora. Questo trend è riscontrabile già oggi con posizioni come quelle del programmatore o del Social Media Manager, impossibili da pensare qualche anno fa. I nuovi profili professionali richiederanno quindi nuove qualifiche e conoscenze difficilmente prevedibili al momento. Una caratteristica sarà sempre più necessaria: la capacità di adattarsi al cambiamento. In futuro si cambieranno datori di lavoro più spesso e si passerà più volte da posizioni specialistiche a posizioni manageriali.

Trend 2: Gig Working

Scelta sui compiti e sugli orari di lavoro. Il Gig working trasformerà drasticamente il classico schema lavorativo 9-5. Il lavoro del futuro ci riserva sempre più lavori senza orari fissi e sempre più lavori freelance orientati al progetto.

Trend 3: Brain Recovery

Fra 15 anni il lavoro manuale passa sempre più in mano alle macchine. La digitalizzazione aumenterà il carico lavorativo mentale degli uomini. A sua volta aumenterà l’importanza e la consapevolezza dell’igiene mentale e di pause regolari. Una settimana lavorativa ridotta a 4 giorni lavorativi potrebbe diventare la norma.

Trend 4: Separazione vita-lavoro

Negli ultimi anni vita lavorativa e vita privata si sono spesso mescolati. Per le nuove generazioni dovrebbe valere il motto: meno stress, più vita. I datori di lavoro dovranno garantire che il tempo libero dei lavoratori sia garantito.

Trend 5: Silver Worker

Poiché la digitalizzazione fa scomparire pian piano quelle professioni che richiedono l’utilizzo delle capacità fisiche, incontreremo sempre più silver worker, lavoratori che continueranno a lavorare anche in età avanzata finché la mente lo consente. Buona parte resterà sul posto di lavoro anche dopo l’età pensionabile raggiungendo i 70 come standard.

Trend 6: Robo Recruiting

Nel mondo del lavoro del futuro l’intelligenza artificiale sosterrà le Risorse umane in maniera massiccia nel processo di selezione. La ricerca sarà più efficace tramite colloqui telefonici automatizzati o la selezione di candidati idonei tramite analisi vocale.

Trend 7: Cultural Fit

Trovare il candidato ideale con tutte le carte in regola per la posizione ma comunque scartarlo. È quello che succede già a buona parte dei candidati. Il motivo? I valori del candidato devono corrispondere con quelli dell’azienda. Fra 15 anni il cosiddetto Cultural Fit nella selezione dei dipendenti potrebbe diventare persino un criterio più importante delle singole competenze.

Trend 8: Diversity

Clienti, fornitori, investitori e dipendenti differiscono nel background culturale, in età, nell’orientamento sessuale e invalidità fisiche. Sarà sempre più data per scontata una gestione coerente delle diversità all’interno dell’azienda, a pari di una società che cambia e accetta le diversità. La diversità non deve comunque essere considerata come criterio che entra in gioco per la selezione dei candidati.

Trend 9: Coworking Places

Non sarà una sorpresa sentire che in 15 anni i dipendenti lavoreranno perlopiù in ambienti virtuali. Molte forme di lavoro come il new work, i coworking spaces e l’home office sono ormai realtà per molti. Le aziende che offrono la possibilità di lavorare da casa vengono considerati come datori di lavoro altamente attrattivi.

Trend 10: Self Management

La classica gestione aziendale top-down in 15 anni sarà sostituirà da metodi più agili. Nel mondo del lavoro del futuro un insieme di regole trasparenti dividerà la responsabilità delle singole funzioni. I dipendenti avranno una maggiore liberà e autonomia dei propri ruoli anche all’interno dei team di lavoro. Ciò naturalmente aumenterà la libertà d’azione dei dipendenti. Verranno instaurate nuove strutture flessibili lontane dalle vecchie basate su gerarchia e supervisori e i dipendenti sarà molto più responsabili di sé stessi.

Trend 11: Digital Education

La formazione offerta dalle aziende non è ancora abbastanza vicina a quella che sono i profondi cambiamenti nel mondo del lavoro. Anche nelle scuole e nelle università c’è un urgente necessità di cambiare. L’offerta formativa di oggi non prepara i giovani di oggi alle sfide del lavoro di domani. La formazione dei lavoratori sulle questioni del digitale sarà la chiave del mondo del lavoro del futuro.

Trend 12: Workplace Wellbeing

I posti di lavoro risponderanno sempre più alle necessità dell’uomo rispettando la salute. Verranno create infrastrutture e uffici completamente focalizzati sul benessere mentale ed emotivo dei dipendenti. Saranno previste anche aree specifiche a seconda del lavoro da svolgere.

Trend 13: Gender Equality

Se si continua con le attuali tendenze, 15 anni non saranno sufficienti per raggiungere l’uguaglianza tra uomo e donna nel mondo del lavoro. I progressi compiuti negli ultimi anni non sono bastati. Ancora oggi vengono preferiti lavoratori di sesso maschile per diverse posizioni. Sentiremo ancora parlare di eguaglianza tra uomo e donna nel mercato del lavoro.

Trend 14: Basic Income

L’idea di un reddito di base per tutti, portato avanti anche dalla politica italiana, è un tema discusso da tempo. In molti vedono uno strumento per il riscatto sociale delle classi meno abbienti. Un reddito di base darebbe maggiore libertà alle persone e contribuirebbe alla pace sociale. Le critiche vedono in questo progetto sociale l’impossibilità attuale di molti stati moderni di finanziare a lungo termine una manovra di così ampia portata che richiederebbe liquidità non disponibili dagli Stati.

Trend 15: Digital Ethics

La tecnologia determinerà in modo significativo il modo in cui lavoriamo: dalla blockchain, ai robot quantistici, passando in particolare all’uso dell’intelligenza artificiale. Il loro apporto nel mondo del lavoro del futuro è rivoluzionario. Le macchine potranno dare maggiore spazio all’uomo assumendosi il carico di compiti ripetitivi. A partire da oggi c’è bisogno di ripensare al rapporto uomo-macchina per definire dei modelli organizzativi sostenibili.

Leggi anche
La distruzione creatrice dell’innovazione digitale
Flessibilità e agilità, fattori di successo delle aziende digitali
Cosa frena la trasformazione digitale delle aziende?

Simone Catania

Classe 88, nato e cresciuto ai piedi dell’Etna, il cognome non mente. Non scrivo l’apostrofo invece dell’accento. Addomestico la punteggiatura per professione.

www.register.srl

www.register.srl

X