Le combinazioni di lettere e numeri negli URL di tracciamento rendono spesso difficile ai marketer condividere link su Twitter, Facebook e altri social. Anche per gli utenti, ricordare o digitare URL lunghi e complessi è spesso impossibile. Abbreviare gli URL è un’ottima soluzione da tenere in considerazione. Per la tua azienda, soprattutto se offre contenuti condivisi su Internet, è importante creare link brevi e personalizzati per il tuo marchio e dominio.

Perché abbreviare gli URL?

Perché bisognerebbe accorciare un link se di solito l’utente lo copia e non deve digitarlo? Abbreviare un link non è utile solo per guadagnare caratteri per un tweet: gli URL abbreviati sono utili per diversi scopi ad esempio come strumento di marketing e monitoraggio. Servizi URL shortener, come ad esempio i famosi Bit.ly e Yourls insieme alla possibilità di aggiungere il tuo dominio “brandizzato” l’URL offrono anche un sistema di tracciamento. In una tabella vengono mostrati gli URL abbreviati degli ultimi 30 con il numero totale di clic.

Abbreviare gli URL: ecco come funziona

Gli URL abbreviati, spesso chiamati anche tiny URL, vengono creati con un semplice clic tramite servizi web dedicati devi URL shortener. Bit.ly è tra i servizi più noti e utilizzati di abbreviazione degli URL. Fai attenzione per questo provider rivende i dati e le statistiche dei link abbreviati. Un piccolo trucchetto da utilizzare su Bit.ly: se inserisci l’URL abbreviato e aggiungi “+”, puoi visualizzare il CTR anche senza registrarti. Un’ottima alternativa è Yourls: Your own URL Shortener, un software open source che puoi utilizzare per abbreviare gli URL del tuo dominio. Basta inserire il link completo nel campo dell’URL shortener, fare clic su “Shorten the URL” e creare così automaticamente un URL abbreviato su misura. Incluso di punto e nome di dominio, l’URL abbreviato non è più lungo di 15 caratteri e può così essere condiviso con facilità.

url shortener abbreviare gli url
Fonte: Yourls.org

Cosa ne pensa Google sugli URL abbreviati?

Come ha rivelato Matt Cutts, ex dipendente Google ed esperto SEO, un URL abbreviato non ha alcun effetto sul Pagerank e può essere utilizzato come backlink. Tutti i dati di accesso vengono “ereditati” in automatico nel processo di inoltro alla pagina d’origine.

Un possibile svantaggio di un generale URL abbreviato è il suo non essere trasparente: per l’utente no è chiaro capire dove lo porterà. Questa caratteristica degli URL abbreviati viene sfruttata dai truffatori. Un ulteriore aspetto da tenere presente è la durata di un link abbreviato. Alcuni potrebbero non funzionare più dopo uno o due anni, cosa molto importante soprattutto da una prospettiva SEO. Nei social network come Twitter e Facebook, i collegamenti vengono abbreviati in automatico. Se utilizzi un link standard in un tweet o in un post FB, l’URL verrà troncato. Per motivi di sicurezza, si consiglia di utilizzare un servizio URL shortener dove il nome dell’azienda sia chiaro.

URL shortener aziendale: ne vale la pena?

Soprattutto per grandi aziende, brand e negozi online è altamente consigliabile utilizzare un proprio URL shortener. Fiducia e sicurezza sono molto importanti quando si tratta di link sparsi nel web: se per l’utente un collegamento non appare sicuro e affidabile, è molto probabile che non ci cliccherà. Quando si utilizzano servizi di URL shortening esterni, è anche possibile che le statistiche vengano pubblicate e vengano resi noti dati che si preferirebbe tenere per sé. Se la visibilità sulle piattaforme social è di grande importanza per le aziende come parte integrante della propria presenza online, utilizzare un proprio URL shortener può rivelarsi necessario. In questo modo puoi anche rafforzare la fiducia verso il tuo dominio. Se ad esempio i collegamenti vengono condivisi di frequente su Twitter o Facebook, la forza dei collegamenti in entrata aumenta e può avere un impatto indiretto positivo sulla SEO e sul traffico.

Parlando di link potrebbe interessarti leggere
Ottimizzare i collegamenti interni come tecnica SEO
Tag canonico: cos’è e come applicarlo al meglio?
Link cleaning: rimuovi i backlink tossici dal tuo sito

Nadine Jäger

Redattrice online con un interesse per il digitale, in particolare IoT e IA. Vedo nell’online marketing un forte potenziale per il futuro e desidero quindi informare i nostri lettori di tutte le notizie più interessanti.

X