In un mercato sempre più competitivo, in uno scenario in cui l’economia italiana e globale sono contraddistinte dalla recessione, le PMI e i professionisti italiani cercano nell’innovazione digitale uno strumento che possa offrire loro un aiuto concreto nella gestione del proprio business. Per le PMI italiane la collaborazione digitale con clienti e fornitori e la gestione elettronica di ordini e pagamenti sono due tra i principali benefici apportati dalla trasformazione digitale e dalla fatturazione elettronica introdotta nel 2019. Questi sono i due aspetti principali che emergono dalla ricerca Nielsen commissionata da TeamSystem che si è posta l’obiettivo di fare luce sullo stato dell’arte della digitalizzazione delle PMI e dei professionisti in Italia.

PMI e trasformazione digitale

Secondo la ricerca Nielsen condotta per TeamSystem, le PMI italiane si affidano sempre più agli strumenti digitali per svolgere diverse mansioni collegate al loro business. In cima fra tutte, il digitale viene sfruttato per collaborare con fornitori e clienti (86%) soprattutto per ciò che riguarda lo scambio di ordini elettronici (79%) e gestire i pagamenti (80%). Grazie al digitale il 86% delle aziende desidera ottenere informazioni immediate sullo stato dei pagamenti (86%) o visualizzare lo stato degli ordini (83%). La possibilità di accedere in modo immediato a queste informazioni, permette alle PMI di essere più agili, prendere decisioni in modo più veloce e consapevole. La digitalizzazione oggi comporta anche il sapere trattare e analizzare i dati. Il 53% delle PMI italiane sfrutta il potere dei dati grazie a strumenti di Business intelligence, ad esempio per misurare le performance (32%) o per effettuare analisi predittive (35%). Il 28% delle PMI grazie al digitale spera di operare con una maggior controllo e consapevolezza, seguito da un 19% che si augura una maggiore integrazione e collaborazione tra le diverse funzioni. La tecnologia cloud è utilizzata dal 72% delle aziende intervistate da Nielsen che apprezzano in particolar modo la possibilità di accedere ai dati da qualsiasi dispositivo (38%) e la sicurezza garantita nella gestione dei dati (27%). La digitalizzazione porta con sé l’annoso tema della sicurezza informatica. L’81% delle aziende italiane ha investito in sicurezza negli ultimi due anni, con il 62% che investirà di nuovo in futuro.  In questo articolo parliamo degli attacchi informatici più comuni tra le aziende.

Professionisti e trasformazione digitale

La ricerca Nielsen mette in luce diversi aspetti legati al mondo della digitalizzazione per quanto riguarda anche i professionisti italiani. Quest’ultimi vedono nella trasformazione digitale un’opportunità per evolvere il proprio ruolo. Analizzando le risposte dei commercialisti, ad esempio, i dati mostrano come questo segmento (61%) sia particolarmente consapevole del cambiamento nel proprio lavoro e sia pronto ad accettarlo anche in ottica futura. Sfruttare la digitalizzazione per molti professionisti significa offrire un servizio ad alto valore aggiunto (96%), fidelizzare i clienti (86%) e trovare nuovi clienti (65%). Così come per le PMI, anche i professionisti utilizzano le piattaforme digitali per accedere ai dati aziendali in tempo reale e avere così un quadro chiaro e immediato della situazione. Anche grazie a queste nuove possibilità, l’88% dei professionisti desidera migliorare la collaborazione con i propri clienti, attraverso ad esempio la condivisione digitale dei documenti di lavoro.

Digitalizzare vuol dire anche valorizzare il potenziale umano

Sembra che PMI e professionisti si stiano avvicinando al digitale innovando i loro processi. La speranza, come afferma Federico Leproux, CEO di TeamSystem, è che questa nuova consapevolezza porti il nostro tessuto imprenditoriale su un altro livello. La trasformazione digitale può aiutare a crescere la produttività, poiché rende i processi più semplici e controllati, aiuta a raccogliere informazioni, facilita la comunicazione e il lavoro integrato. Ciò naturalmente non può che aiutare le nostre aziende a essere più competitive sul mercato. Il CEO di TeamSystem sottolinea comunque che nei prossimi anni la differenza non si giocherà esclusivamente a livello tecnico-digitale, ma anche sulle competenze e sulla formazione delle persone. “La trasformazione digitale, infatti, è veramente efficace se valorizzerà pienamente il talento e le potenzialità delle persone.

Leggi anche
Stampa 3D: la strategia vincente per le aziende
Fattori di successo per creare una strategia digitale
IoT in Italia: nuove opportunità di crescita per le aziende

Simone Catania

Classe 88, nato e cresciuto ai piedi dell’Etna, il cognome non mente. Non scrivo l’apostrofo invece dell’accento. Addomestico la punteggiatura per professione.

X