Il web ha abbattuto i confini geopolitici e stravolto le transazioni commerciali creando un nuovo modo di fare business soprattutto a livello internazionale, ma per raggiungere nuovi clienti in altri mercati è necessario parlare la loro lingua e non solo. In questo nuovo scenario entra in gioco la localizzazione, un processo di trasformazione linguistica, culturale e grafica che rende fruibile a un pubblico estero il proprio sito o prodotto. Se state pianificando di valicare i confini nazionali con il vostro business, allora sarà necessario che il vostro sito web sia localizzato.

A questo punto vi starete chiedendo cosa sia la localizzazione e cosa preveda. La localizzazione è un processo di adattamento di un prodotto, contenuto o sito web a un mercato specifico, in cui la traduzione è sicuramente l’elemento principale, ma non l’unico. Per capire la differenza fra traduzione e localizzazione pensiamo ad esempio alla lingua inglese. Al di là delle differenze linguistiche che intercorrono nei diversi paesi anglofoni, attenzione a proporre pants invece di trousers a un utente scozzese, al momento di localizzare un prodotto o sito web, bisogna tenere presenti anche altri aspetti: un utente americano riuscirà a valutare più facilmente i prezzi se questi vengono segnalati in dollari piuttosto che in sterline, un utente inglese si troverebbe un paio di scarpe più stretto acquistando una misura 6 americana e una campagna promozionale di Natale con maglioni di lana e sciarpe in Australia potrebbe essere una mossa… ehm, temeraria!

Analisi dei dati: da dove vengono i miei clienti?

Quando si decide di espandere il proprio business in altri Paesi bisogna porsi alcune domande e riflettere in quale o quali mercati si vuole investire tempo e denaro per la vendita e la promozione di prodotti e/o servizi. Prerequisito prima di avviare un processo di localizzazione è quello di analizzare i dati disponibili sulla provenienza dei propri utenti. Se, dati alla mano, notiamo che i nostri prodotti alimentari biologici spopolano in Grecia, mentre minore è la domanda dalla Russia, dopo aver analizzato tutte le variabili del caso, sarà bene investire il nostro budget e localizzare per il Paese dove sappiamo di poter avere un maggior guadagno. In poche parole, prima di espandere il proprio business online in un mercato estero è necessario eseguire un’accurata analisi dei dati per conoscere la provenienza dei propri utenti e, perché no, le loro preferenze.

Traduzione: We speak your language!

Parlare la lingua dei tuoi clienti è di certo il modo migliore per farti capire da loro e dimostrargli il tuo interesse. Diverse ricerche, come quelle condotte da Common Sense Advisory, dimostrano come gli utenti siano molto più propensi a effettuare degli acquisti se il negozio online è localizzato nella loro lingua. La traduzione porta con sé anche l’implementazione di alcuni elementi di SEO e di riposizionamento nelle directory locali. Anche un dominio locale potrebbe essere un elemento da considerare per ottenere una maggiore rilevanza locale nei motori di ricerca. Devi quindi essere uno di loro e parlare la lingua dei tuoi clienti per aumentare le vendite e diventare competitivo nel mercato di destinazione.

Contenuto: pensa con la loro testa

Insieme all’aspetto linguistico entrano in gioco molti altri elementi socio-culturali del mercato di destinazione. Gli elementi grafici, come foto, immagini e simboli, devono corrispondere a determinati standard culturali e di comunicazione del Paese. Inserire un’icona con un pollice alzato che noi interpretiamo positivamente come “OK, ho capito”, nei Paesi arabi è da evitare perché rappresenta invece un insulto. Anche gli animali per esempio hanno una connotazione assolutamente diversa da cultura a cultura. Se il cane è per noi l’animale domestico per antonomasia, questo potrebbe non essere lo stesso in altre parti del mondo alterando il messaggio che vogliamo trasmettere. Naturalmente anche il testo deve rispettare le norme sociali e i costumi locali. È quindi necessario porsi sempre delle domande e localizzare anche l’icona che potrebbe sembrare per noi più banale.

Grafica: sartoria del web

Spesso tradurre in un’altra lingua prevede anche un completo riadattamento del layout che dovrà rispecchiare il sistema di scrittura impiegato. Un esempio estremo è l’arabo con il suo sistema di scrittura da sinistra verso destra che richiede un completo riadattamento grafico. Ma anche differenze minime come la diversa lunghezza delle singole parole potrebbero richiedere il riadattamento della voce di un menu. Basta guardare la diversa lunghezza di caratteri che la parola “visualizzazioni“ ha in diverse lingue per farsi un’idea delle possibili implicazioni per la veste grafica.

Lingua Traduzione Lunghezza in caratteri
Inglese Views 5
Tedesco X-mal angesehen 15
Francesce Consultations 13
Spagnolo Visitas 7
Italiano Visualizzazioni 15
Portoghese Visualizações 13
Cinese 次檢視 3

Aspetti formali: forma mentis

Nel processo di localizzazione entrano in gioco i numerosi requisiti formali di conversione locale quali possono essere la valuta e le unità di misura. Basti pensare alle numerosissime differenze quando si localizza in lingua inglese, come precedentemente descritto. Diverse sono anche le configurazioni della tastiera che in certi casi possono essere essenziali, e per quanto possa sembrare strano, anche i colori sono parte integrante di un processo di localizzazione! Se per molti il bianco è sinonimo di purezza, in altre culture è il colore del lutto! Anche altri elementi come indirizzi, date e numeri di telefono devono avere un corrispettivo locale. E non per ultimo, tradurre il tuo sito in tedesco, per esempio, non basterà per coprire le diverse regolamentazioni per il reso di Germania, Austria e Svizzera. Bisogna porre attenzione alle diverse norme locali e ai requisiti di legge per non incappare in spiacevoli violazioni.

Al giorno d’oggi un’ampia offerta, anche specializzata e settoriale, riesce a raggiungere una comunità globale di acquirenti tramite il web sempre più accessibile e diffuso. La localizzazione è un processo essenziale per chiunque desideri espandere il proprio business in un mercato estero. Un prodotto o un sito web ben localizzato deve rispondere a tutti i requisiti del mercato di destinazione e risultare il più “familiare“ possibile all’utente per conquistare la sua fiducia e assicurarvi l’ingresso nel mercato di destinazione.

X